Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Il design è donna, l’architetto Serena Pisano: “Sensibili, empatiche, diplomatiche”

“Qualsiasi oggetto di design non è neutrale. C’è un rapporto anche con chi ne gode, e bisogna tenerne conto”.

 

Queste le parole di Charlotte Perriand, conosciuta come il braccio destro di Le Corbusier, figura chiave nella definizione del design contemporaneo. Charlotte ha affrontato il tema con decisione, mettendo al centro la figura umana come cuore pulsante del progetto, di design e di architettura.

 

Abbiamo intervistato l’architetto Serena Pisano, che ha fornito la sua visione sul tema dell’architettura al femminile.

 

In che modo è importante l’interazione da donna nel progetto? 

“Attualmente è riconosciuto all’architetto di essere tecnico e al contempo di avere la sensibilità di interpretare le potenzialità dei luoghi e le esigenze dei committenti attraverso un unico progetto tra le infinite possibilità. Le qualità di sensibilità, empatia, diplomazia sono caratteristiche di solito più riconosciute nelle donne ma, a mio avviso, prescindono dal sesso, esiste la buona o la brutta architettura ma è riduttivo distinguere tra architetto donna o uomo. Una sola cosa però possono fare solo le donne, ovvero distinguere tra impercettibili toni di colore per questo le troviamo all’ultimo step nella produzione industriale dei materiali di architettura ad effettuare il controllo dei colori, dove non arrivano nè le macchine nè  gli uomini arrivano le donne, mi andava di condividere questa mia recente scoperta che la dice lunga…”.

 

Dalla casalinga alla manager, la donna e la casa, un ruolo mutato nel tempo, quanto ha influito nell’architettura?

“Oggi la donna è impegnata tanto nel lavoro che nella famiglia, fa sport e ricerca il benessere, questo nell’architettura si traduce in lusso e praticità. Nella frenesia degli impegni diventa prezioso il tempo libero che si passa in casa o nei luoghi di svago e cultura, per questo le persone sono più esigenti e pretendono comfort e bellezza negli spazi che vivono”. 

 

La creatività è donna, ambizione e coraggio, trasgredire le regole e indicare nuove strade: ti ritrovi in questa visione?

“Ambizione di fare sempre meglio, il coraggio di farsi strada in un ambiente ancora scettico a riconoscere autorità ad una donna. Il coraggio di un lavoro impegnativo e la creatività che con l’uso delle regole o stravolgendole suggerisce nuove soluzioni, questi sono valori di ogni giorno in cui mi ci trovo perfettamente”.

 

 

 


Serena Pisano
Architetto
Pagina Instagram

 

 

 

Condividi: